Voto di scambio, successo e vergogne

Stamattina al Senato abbiamo approvato in via definitiva la legge contro il voto di scambio politico mafioso. Sarà in vigore da subito e quindi anche per le prossime elezioni del 25 maggio. La novità è che sarà punito non solo lo scambio di denaro, ma anche “altre utilità” derivanti accordi tra politici e mafiosi. Il reato riguarderà quindi anche altri legami e favori. La pena prevista sarà da quattro a dieci anni.

Il Procuratore nazionale Antimafia, il presidente dell’Autorità anticorruzione e il presidente di Libera, Don Luigi Ciotti hanno salutato favorevolmente la legge, approvata nel modo in cui le associazioni antimafia ci avevano chiesto. Eppure abbiamo dovuto assistere a una vergognosa sceneggiata durata tutto ieri e stamattina, per cui i cinque stelle volevano passare come gli unici argini alla mafia, accusando senza mezzi termini tutti gli altri (SEL compresa) di collusioni e cedimenti. Sarebbe stato utile filmare le sedute per far capire fino a che punto i grillini, eccitati ieri dalla presenza del capo e annebbiati dalle sirene elettorali, hanno portato discredito alla più alta Camera dello Stato e mancato totalmente di rispetto ai colleghi, in particolare a chi si batte contro la mafia pagando grandi prezzi personali.

E’ vero, rispetto a una precedente lettura sono state ridotte le pene ed è stato escluso di poter punire per la “disponibilità a soddisfare gli interessi o le esigenze dell’associazione” mafiosa, vista la difficoltà a dimostrare tale situazione. Certo, forse si poteva fare ancora meglio, ma come non riconoscere che oggi è stato fatto un grande passo avanti nel contrasto alla mafia? Sì, i cinque stelle, vergognosamente e solo loro, hanno votato contro. Tra l’altro contraddicendosi, perché alla Camera, in prima lettura, avevano votato a favore!  E dimenticando che l’ottimo è nemico del bene (o del molto bene, come in questo caso). Non si fa campagna elettorale strumentalizzando la lotta alla mafia. (foto da repubblica.it)

Stefano Lepri

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *