Il mio intervento oggi al Senato sulle unioni civili

senato

Signor Presidente, colleghi Senatori,

siamo finalmente giunti a discutere e, io spero, a votare un provvedimento atteso da troppo tempo. La responsabilità del ritardo è certamente del centrodestra, ma anche il centrosinistra non seppe farcela. Ed è stato un errore, in questa legislatura, aver condotto uno sterile ostruzionismo in Commissione, di fronte a un testo che richiedeva miglioramenti e quindi un vero primo dibattito.

Comunque ora ci siamo, e guardiamo ai contenuti: quelli positivi e già acquisiti, ma anche quelli da migliorare o correggere, anche radicalmente. Poi dedicherò qualche minuto, prima di concludere, al metodo e al percorso parlamentare che ci aspetta nei prossimi giorni.

Quanto al merito: anzitutto voglio dire che tutto il Partito Democratico condivide la necessità di dare un pubblico riconoscimento alla coppia di persone omosessuali. Non bastano i diritti e i doveri delle persone; noi intendiamo approvare un nuovo negozio giuridico, innestato nel solco dell’articolo 2 della Costituzione. Il senso è chiaro: lo Stato deve riconoscere (in quanto esistono) e deve promuovere (in quanto è interesse della collettività) le forme di relazione affettiva orientate alla continuità, alla stabilità, al mutuo aiuto morale e materiale. Da questo punto di vista, l’orientamento sessuale non è rilevante: è un bene che due persone si impegnino pubblicamente a sostenersi reciprocamente, alla coabitazione, alla fedeltà. Anche questa forma di stabilità affettiva è meritevole di un pubblico riconoscimento, in quanto capace di costruire legami tra le parti e i parenti, di contrastare la fragilità umana, di assicurare un pronto aiuto nei tanti casi di difficoltà.

L’altra questione, e qui sta la differenza rispetto al matrimonio tra eterosessuali, riguarda la genitorialità. La coppia omosessuale è diversa perché la natura (non le leggi) esclude che essa possa generare. La coppia eterosessuale unita in matrimonio è anche orientata alla riproduzione e alla crescita dei figli che nascono in famiglia. La coppia omosessuale dell’unione civile può solo desiderare di crescere dei bambini.

Il desiderio di generare e crescere dei figli è veramente umanissimo, ma occorre domandarci se tale attesa possa trasformarsi in pretesa, e quindi in diritto. Detto diversamente, quel desiderio si scontra con le attese dei futuri bambini che, con la maternità surrogata (e in misura minore con la fecondazione eterologa) vedono ridursi o cancellati i diritti primi, essenziali e indiscutibili. Un bambino che cresce in una coppia omosessuale, e con la stepchild adoption, potrà essere riempito di affetto ed educato al meglio, ma non avrà la certezza della sua identità biologica; non avrà entrambi i genitori biologici come genitori legittimi; non avrà un padre e una madre che lo crescono, bensì due padri o due madri legittimi; non avrà (se vive con due padri) il conforto della madre che l’ha generato.

Non si può allora, volendo comunque occuparci di come assicurare la migliore tutela a quei bambini, dimenticarci dei torti che essi subiscono nei modi in cui sono concepiti, vengono al mondo e sono cresciuti. Insomma, la pretesa di non discriminare gli adulti rispetto al desiderio di genitorialità porta a discriminare i bambini. Si obietterà che fecondazione eterologa e maternità surrogata sono praticate anche dagli eterosessuali; è vero, ma si tratta di un’eccezione, non di una condizione.

E arriviamo allora all’affido rafforzato. Alle obiezioni di chi dice che le tutele sono insufficienti, rispondiamo che la proposta, sottoscritta da una trentina di colleghi ma che trova un consenso ben più ampio, assicura la piena funzione genitoriale in capo all’affidatario e prevede la continuità affettiva anche nel caso di morte o di separazione del genitore biologico. Adozione o affido rafforzato non sono insomma due proposte agli antipodi.

Quali invece i vantaggi dell’affido? Non si legittimano le forzature utilizzate per procreare: il partner non genitore non diventa genitore legittimo, così distinguendo tra funzione generativa e funzione genitoriale. Il minore continua ad avere, dal punto di vista anagrafico, un padre e una madre. Si consente di intervenire più facilmente nei possibili casi di inadeguatezza genitoriale. Con l’affido rafforzato viene, infine, esclusa anche in futuro la possibilità di adottare il figlio di terzi. Oggi questa facoltà è preclusa nel disegno di legge in discussione, ma l’esperienza austriaca (con le recenti sentenze della loro Corte costituzionale) ci porta a ritenere che la stepchild sia solo il primo passo per arrivare a quell’esito.

Al dibattito di questi giorni, sui media e in aula, non sono poi mancate contraddizioni e ipocrisie. Ne ricordo alcune, che credo la discussione stia ormai svelando, con buona pace di chi si ostina a ripeterle.

Si è detto: “il tema della maternità surrogata non si pone, essendo già vietata in Italia”, ma si continua così a chiudere un occhio sul fatto che si va a farla all’estero. Delle due l’una: se si è contrari vanno votati gli emendamenti che propongono di applicare la stessa pena già prevista in Italia anche per chi fruisce od organizza la maternità surrogata all’estero. Se invece si è favorevoli bisogna arrivare alla conclusione: si proponga di depenalizzare la pratica.

Si è anche detto: “sono contro la maternità surrogata e insieme per la stepchild”, ma il ragionamento non tiene, semplicemente perché la maternità surrogata, nel caso della coppia composta da due maschi, è la condizione necessaria per avere un figlio, e l’avere il figlio in quel modo e la condizione necessaria per adottare il figlio del partner.

E poi si è ancora ripetuto: “se si consentisse di adottare i figli di terzi non si porrebbe il problema”, ma è facile rispondere che oggi, in Italia, per ogni bambino in stato di adottabilità ci sono almeno otto coppie sposate da almeno tre anni che si candidano ad adottarlo. Informo infine gli strappalacrime che gli orfanotrofi non ci sono più da un pezzo e che, pur nei casi particolari previsti dalla legge 184/93, già oggi i single e le coppie non sposate possono adottare.

Si è infine detto: “non possiamo discriminare rispetto agli eterosessuali”. Infatti, ma il rischio è al contrario. Facciamo il caso di due uomini sessantenni che contraggano l’unione civile. Appena dopo, con la maternità surrogata, ottengono il bambino e il partner lo adotta. Con tre differenze, che potranno diventare eccezioni di costituzionalità, rispetto agli eterosessuali: possono adottare il minore anche se nato durante l’unione civile, mentre per gli etero (nell’adozione per casi particolari) il figlio è frutto di una precedente relazione; non è prevista una distanza massima di anni tra genitori e bambino e neanche una durata di convivenza minima, entrambi richiesti invece per le adozioni del figlio di terzi.

E arriviamo alla terza grande questione: la disciplina delle convivenze. D’accordo sul fatto che vadano riconosciuti diritti, come ad esempio quello di visita in caso di malattia o di detenzione, oppure quello di subentro nella locazione della casa di abitazione. Meno d’accordo sull’impianto complessivo: disciplinare le convivenze significa sostanzialmente riconoscere un nuovo negozio giuridico a realtà che, per loro stessa esplicita volontà, non richiedono di essere pubblicamente riconosciute, come dimostra la scarsa adesione agli albi comunali allo scopo costituiti. Si consideri poi che gli eterosessuali dispongono già del matrimonio e che il divorzio breve facilita il suo scioglimento.

Vi sono poi evidenti contraddizioni nel testo in discussione: ad esempio, il previsto mutuo aiuto morale e materiale può (non deve) definirsi attraverso un contratto di convivenza, mentre un vero e proprio obbligo di mantenimento e alimentare è previsto solo nel caso di cessazione della convivenza di fatto. Come dire: il convivente debole che non ha reddito può essere lasciato alla fame, salvo quando la convivenza finisce. Queste e molte altre contraddizioni, se confermate, faranno la gioia degli avvocati, con un contenzioso che inevitabilmente porterà a cavillare sulle contraddizioni di una parte del testo di legge, mal scritta e mai approfondita.

Se si riconosce la convivenza come un vero negozio giuridico si rischia di rendere il matrimonio meno attrattivo rispetto a scelte, a quel punto legittimate, orientate alla precarietà affettiva. E si rischia quindi di non tutelare a sufficienza l’eventuale contraente debole, che trova invece sicure protezioni nel matrimonio. Molto meglio dunque sarebbe, come previsto con alcuni emendamenti, parlare nel testo di diritti e doveri delle persone stabilmente conviventi, affiancandoli alla possibilità di stipulare contratti tipo sugli aspetti materiali e patrimoniali.

Porto ad esempio l’articolo del disegno di legge che prevede l’assegnazione di un pari punteggio tra convivenze e matrimonio nell’accesso alle case popolari, perché emblematico di come si rischi di mortificare l’istituto del matrimonio. Ci può stare infatti che venga dato un qualche punteggio premiante ai conviventi stabili, ma non identico del matrimonio. Che fine farebbe, in questo modo, il favor previsto nella Costituzione? Ai colleghi di partito che vedono, in questo o in altri casi, il discrimine tra progressisti e conservatori – assegnando, a me e ad altri,  l’accusa di conservatorismo – ricordo che il progresso non si costruisce minando le basi della coesione sociale, infragilendo la stabilità affettiva, prefigurando quindi una società fatta di individui e di relazioni fugaci.

Pochi minuti, infine, sul metodo di lavoro finora seguito e sui prossimi giorni, cruciali, del lavoro parlamentare su questi temi. Dobbiamo dircelo: sono stati fatti alcuni errori e forzature. La legge è stata scritta (pur se poi in parte corretta) con un approccio teso a considerare soprattutto le attese dei destinatari, trascurando l’equilibrio tra i diversi istituti. Potevamo poi aprire un grande confronto, coinvolgendo i maggiori esperti e studiosi nel campo, come avvenuto anche di recente per la riforma costituzionale. Capisco tuttavia l’urgenza, dopo tanti anni di letargo.

Non posso poi dimenticare alcune ripetute dichiarazioni, per le quali solo “qualche cattolico del PD con il mal di pancia” stava continuando a mantenere dubbi rispetto alle magnifiche e progressive sorti del disegno di legge. Quelle dichiarazioni si commentano da sole. E comunque ci hanno stimolato a batterci per dimostrare che non si trattava dell’ennesimo scontro tra laici e cattolici, che non si doveva riaprire il bipolarismo etico e che i buoni argomenti possono prevalere o almeno trovare ascolto. Abbiamo dimostrato di avere tenacia e visione, più che bile.

Annoto un’ultima questione: abbiamo preso atto, studiando attentamente il testo, che già con l’approvazione dell’articolo 3 verrebbe approvata la stepchild adoption, senza arrivare all’articolo 5. Al proposito è stato quindi formulato un emendamento. Osservo che nessuno degli estensori e dei firmatari del disegno di legge ha smentito finora quanto affermato, per cui siamo portati a ritenere che ciò sia vero. Io credo sempre alla bontà dell’interlocutore per cui mi aspetto, prima del voto, che la buona fede sulla vicenda venga pubblicamente assicurata. Diversamente resterebbe lo spiacevole sospetto della furbizia e del trucco, particolarmente malevoli in quanto a danno del Parlamento.

Per concludere. Queste convinzioni, condivise da molti colleghi, non sono riconducibili a un disegno oscurantista o integralista. Conosciamo le miserie umane perché non ne siamo esenti. Sappiamo che la tolleranza e il rispetto delle opinioni altrui vale almeno quanto la difesa delle proprie. Non ci piacciono il politically correct da love wins, né chi interpreta sulla materia il genere trash o chi fa il bastian contrario senza misericordia. Non abbiamo usato la tattica politica per trattare.

Si tratta, piuttosto, di convinzioni equilibrate, che in sintesi intendono dare piena cittadinanza alle unioni civili omosessuali; che vogliono riconoscere una funzione genitoriale al partner non genitore, ma senza legittimare forzature nel volere un figlio a tutti i costi; che ritengono opportuno dare diritti e doveri alle persone stabilmente conviventi, ma senza costringerli in forme giuridiche non richieste dai più e insidiose rispetto alla tutela dell’istituto matrimoniale.

Questo sì sarebbe davvero un disegno riformista. Spero e lavorerò, perché questa sintesi alta, e giusta, possa ancora essere raggiunta.

Stefano Lepri

Print Friendly

4 Commenti

  1. Alberto

    Caro senatore della Repubblica Italiana, le vorrei ricordare che siamo in uno stato laico e che non è la chiesa che paga il suo stipendio ma noi cittadini italiani. Quindi la pregherei di legiferare in base alle esigenze di noi cittadini tutti, incluse le minoranze, e non in base alle esigenze della chiesa.

  2. Stefano Caputo

    Caro Senatore Lepri,

    ho letto con interesse il suo intervento sulle Unioni Civili e apprezzato il suo sforzo di tenere una posizione equilibrata sull’argomento.
    E’ una posizione però che la invito ad abbandonare in riferimento al suo rifiuto della cosiddetta “Stepchild adoption”; per lo meno se davvero il valore che lei intende difendere è la protezione di quelli che lei chiama “diritti primi essenziali e indiscutibili” dei bambini.
    Potrei addentrarmi in una discussione punto per punto dei sui argomenti contro l’adozione del figlio biologico del partner all’interno di una coppia omosessuale, ma non lo farò perché sarebbe forse troppo lungo. Credo che sia più efficace per la discussione, in casi come questi, partire da casi concreti e vissuti.
    Ho due nipotine (chiamiamole, per non citare i loro veri nomi, Marta e Giulia). Giulia e Marta hanno quelle che loro considerano le loro due mamme (chiamiamole Viola ed Elena) con le quali vivono serene e felici. Lei subito osserverà che per ciascuna delle due bambine la mamma “vera” è una sola e l’altra è una sorta di zia, amica, tutrice. Non voglio entrare in questa questione che chiama in causa il problema intricato di cosa sia essere madri e padri e del rapporto di tali relazioni con quella biologica di procreazione e generazione. Basti per ora fermarsi a un fatto: Giulia e Marta considerano Viola e Elena le loro mamme, le chiamano entrambe “mamma”, vedono in entrambe la stessa fonte di affetto e di accudimento (come qualsiasi bambino fa con quelli che egli considera i propri genitori); inoltre in tutte le relazioni sociali in cui Giulia e Marta si muovono (famiglia, scuola, amici) Viola ed Elena sono considerate i loro genitori.
    Lei parla di diritti essenziali e indiscutibili dei bambini e pone fra questi quello di conoscere il proprio genitore biologico. Anche su questo si potrebbe discutere a lungo (come lei sa vi è oramai da tempo una discussione accesa e con pareri discordanti su tale diritto nei casi di fecondazione eterologa e, in ogni caso, le conclusioni cui un singolo paese giunge riguardo alla misura della garanzia di tale diritto si possono ovviamente estendere ai figli all’interno di coppie omosessuali) ma sul tema dei diritti vorrei condurla su un terreno comune: credo infatti che lei non negherà che un diritto sicuramente essenziale di ognuno (bambino o adulto) è quello alla felicità, intesa come piena e libera realizzazione di sé (un diritto questo richiamato in modo diretto o indiretto nelle principali costituzioni democratiche moderne). La invito ora a riflettere sulle conseguenze, in relazione a tale diritto, di ciò che Lei e alcuni suoi colleghi proponete al posto della Step-Child: il cosiddetto affido rafforzato”. Farò solo un esempio, drammatico, ma credo efficace: Viola, la genitrice biologica, di Marta muore; l’affido rafforzato prevede la possibilità da parte dell’altra mamma, non biologica, Elena di “chiedere” l’adozione di Marta. Ora delle due l’una. O la richiesta è un atto puramente amministrativo (analoga alla richiesta di cambio di residenza), ma allora non è una richiesta ma una comunicazione; oppure non lo è, cioè è un’istanza che Elena può avanzare, suppongo a un tribunale dei minori e che, in quanto tale, può essere accettata o rifiutata, suppongo sulla base di una relazione dei servizi sociali. Pensi una attimo alle conseguenze che ciò potrebbe avere su Marta in questo scenario possibile: Elena si imbatte in degli operatori dei servizi sociali o in dei giudici particolarmente avversi alla genitorialità omosessuale che trovano un pretesto per sottrarre Marta a quella che, ripeto, lei considera sua madre; i pretesti si trovano facilmente (ad esempio Elena è in quel momento disoccupata e percepisce un’indennità di disoccupazione, o Elena appare in uno stato emotivamente fragile a causa della scomparsa della sua compagna). Marta finisce nel migliore dei casi a casa di una nonna o di una zia magari poco frequentate, nel peggiore in una casa famiglia. Vorrei farle notare che, in questo caso, Marta molto poco probabilmente andrebbe dal padre biologico perché, come lei saprà, i “padri” biologici in questione non hanno riconosciuto le persone nate in virtù della loro donazione di seme e sono spesso irreperibili. Ma anche se il padre biologico si trovasse (ad esempio tramite la creazione di un elenco donatori senza anonimato) pensa davvero che per Marta sarebbe meglio vivere con una persona a lei sconosciuta e che non desidera svolgere le funzioni di genitore, piuttosto che con quella che lei considera sua madre? Lei obietterà a questo ragionamento che le probabilità che si realizzi un simile scenario sono basse; ma sono davvero così basse? Chi può dirlo? E anche se fossero basse, una buona legge non dovrebbe essere fatta proprio per escludere eventualità come queste che avrebbero, credo che lei lo riconoscerà, un impatto devastante sulla felicità di una persona (per limitarci alla bambina), sullo sviluppo armonioso e sereno della sua personalità? E per quale beneficio, per la bambina, lei è disposto a correre (o meglio a farle correre) questo rischio? Quello del (supposto) diritto del bambino di conoscere il suo genitore biologico? Ma provi un attimo a soppesare questo presunto diritto con quello alla felicità di cui abbiamo parlato fino ad adesso; lei è disposto a barattare la possibilità di una devastante tragedia umana, come quella che ho prefigurato, con qualcosa che: 1) non rientra nei desideri primari di un bambino cresciuto all’interno di una coppia omosessuale (chiunque conosca realmente questi bambini sa che tale desiderio non è presente); 2) quand’anche sopravvenisse, nella crescita, potrebbe essere realizzato con la sopravvenuta maggiore età (come avviene in molti paesi con la fecondazione eterologa).
    L’asimmetria fra costi e benefici (per il bambino) mi sembra così evidente che potrebbe indurre a pensare che forse l’appello al benessere e ai diritti dei bambini sia in lei e in chi propone l’affido rafforzato (non parliamo poi dei feroci integralisti che sono contrari a qualsiasi forma di regolamentazione della relazione fra figli e genitori non biologici) una maschera per edulcorare e conferire rispettabilità alla vera motivazione di fondo che vi spinge: la convinzione cioè che avere due madri (o, soprattutto, due padri, questo credo vi mette particolarmente in ambasce) non sia il modo “giusto” “secondo natura” di essere figli che, come del resto lei scrive, a questi bambini, nel momento stesso in cui si è deciso di concepirli sia stato “fatto un torto” (la prego abbia il coraggio di dirlo a Marta e Giulia che col fatto stesso di farle nascere gli è stato fatto un torto) e che, dunque, bisogna in qualche modo scoraggiare e ostacolare questa pratica perché in fondo, per questi bambini, sarebbe stato meglio non essere nati.
    E questo quello che pensate Senatore Lepri? E se Lei, come spero, non lo pensa, perché vuole disseminare ostacoli e paletti, sulla strada dell’unico modo che Marta e Giulia, come tutti gli altri bambini del mondo, conoscono di essere felici, cioè vivere con i loro due genitori, in questo caso le loro due mamme, ed avere una piena tutela giuridica per questa condizione essenziale della loro felicità, questa sì un “diritto primo, essenziale e indiscutibile”?
    Un caro saluto
    Stefano Caputo

  3. alessandro

    Caro senatore,
    sono avvocato, militante del PD torinese, renziano e cattolico.
    il ddl Cirinna non mi convince ma le norme sui figli mi sembrano portare a conseguenze quasi disumane.
    ho ritrovato molti miei dubbi nel tuo intervento al senato
    vorrei incoraggiati a proseguire e tenere duro sulla difesa dei più deboli
    penso che ci sia spazio per convincere molti altri anche se qualcuno è intimorito da un informazione a senso unico
    grazie e in bocca al lupo
    alessandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *