Nov 212015
 

 

 

 

Dopo anni in cui il Parlamento doveva sempre “rabboccare” i fondi sociali, nella Legge di stabilità 2016 ci sono molte più risorse per il sociale e per il contrasto alla povertà.

Il fondo per la non autosufficienza si stabilizza su livelli superiori e si istituisce quello per il Dopo di noi: un importante segnale di attenzione alle persone con disabilità e ai loro familiari. Seicento milioni in più a favore dei bambini poveri, in attesa di una misura unica e organica, segnano una svolta. La riforma del terzo settore sarà finanziata con duecento milioni a regime, il 5×1000 aumenta la dotazione arrivando a cinquecento milioni, mentre il servizio civile con l’ultimo decreto del governo accresce la dote di cento milioni rispetto all’anno in corso.

Insomma, i fondi sociali raddoppiano, se si confronta il 2016 rispetto al 2013. Non siamo ancora arrivati ad una vera protezione sociale per tutti, ma la strada è intrapresa.

Stefano Lepri

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)