Feb 242014
 

Renzi nel pomeriggio ha chiesto per il suo governo la fiducia al Senato, che voteremo stasera dopo la discussione generale. La novità, rispetto al protocollo, è stato anzitutto il suo discorso a braccio: un intervento semplice, con grande coraggio.

Inutile snocciolare troppi impegni, come sovente avveniva, spesso alla fine disattesi. Si parte dalle attese profonde dei cittadini e delle imprese: a fine anno scolastico, in estate, un grande programma di manutenzione straordinaria delle scuole con un finanziamento consistente; pagare presto tutti i debiti della pubblica amministrazione, senza altri rinvii; abbattere il cuneo fiscale di una percentuale a doppia cifra; rimuovere i dirigenti della pubblica amministrazione se non raggiungono gli obiettivi; basta automatici ricorsi al TAR che bloccano sempre l’avvio dei cantieri, ecc.

Non è più tempo, dunque, dello scaricabarile; sarà lui per primo – ha detto – a mettere la faccia e ad ammettere il fallimento, se non ce la faremo. E’ un tempo, piuttosto, del coraggio, che non esclude nessuno e che non lascia alibi a nessuno.

Insomma, Renzi vuole continuare a fare il sindaco, cioè ad affrontare le sfide più urgenti per risolverle. Ma, questa volta, è il sindaco d’Italia. (foto www.ilmessaggero.it)

Leggi il discorso integrale di Matteo Renzi per la fiducia al Senato 

Stefano Lepri

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)