Decreto lavoro, primi passi

Oggi al Senato abbiamo approvato il cosiddetto decreto lavoro (scheda di sintesi); resta il passaggio alla Camera, che probabilmente non potrà che confermare l’impianto, visti i tempi strettissimi per la conversione.

Segnalo gli incentivi per nuove assunzioni di giovani: si tratta di una misura utile ma che ragionevolmente potrà riguardare solo alcune migliaia di persone, specie al Sud. Ci sono poi interventi per rendere più efficaci l’apprendistato, i tirocini formativi, i programmi nazionali cofinanziati dai fondi strutturali, la ricollocazione dei lavoratori in cassa integrazione in deroga.

Le modifiche verosimilmente più importanti sono relative alla “legge Fornero”, per rendere le misure più flessibili e adatte a un contesto di grave crisi economica come l’attuale.

E’ stato poi confermato il rinvio dell’incremento dell’aliquota IVA, coperto con l’incremento dell’acconto IRPEF e IRES.

Quanto alle questioni che riguardano più da vicino l’intreccio tra lavoro e welfare, abbiamo ottenuto l’incremento del fondo per il diritto al lavoro dei disabili: 10 milioni di euro per l’anno 2013 e di 20 milioni di euro per l’anno 2014. Non avendo avuto l’ok dal Governo sul nostro emendamento, è stato almeno approvato l’ordine del giorno con cui si impegna il Governo a eliminare il previsto incremento IVA sulle cooperative sociali. Sul servizio civile c’è un piccolissimo stanziamento per il 2013, ma un impegno più significativo dal 2014.

Insomma, piccoli passi e qualche buon risultato. Finora il Governo Letta ha preferito cacciavite e lima all’accetta. Ma ragionevolmente, da settembre bisognerà fare sul serio, per realizzare quelle riforme strutturali, anche impopolari, di cui il Paese ha un gran bisogno.   

Stefano Lepri

Scarica i documenti

1. incremento Fondo per il diritto al lavoro dei disabili (emendamento approvato)

2. incremento IVA sulle cooperative sociali (emendamento ritirato)

3. incremento IVA sulle cooperative sociali (OdG)

4. incremento Fondo nazionale per il servizio civile  (emendamento approvato)

5. incremento Fondo nazionale per il servizio civile (OdG)

 

(foto ©2013 Archivio fotografico, Senato della Repubblica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.