Apr 182012
 

 

Lunedì ho partecipato a un bel convegno organizzato dal PD nazionale, dal titolo “STRADE VERSO CASA: LE PRATICHE E LA BUONA POLITICA PER L’ABITARE”. Ho avuto la possibilità di portare la mia testimonianza come consigliere regionale e di riflettere sulle sfide che abbiamo di fronte in questo campo.

Le Regioni fanno i conti con le difficoltà di bilancio e rischiano di non poter più finanziare i programmi di costruzione e ristrutturazione di nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica. Venendo meno anche le risorse statali ex gescal, le ATC sono chiamate ormai a concentrarsi prevalentemente sulle manutenzioni. Per garantire risorse allo scopo è necessario che il Governo consenta loro di non versare più l’IRES, di non versare (come si rischia) la nuova IMU e permetta loro di fruire degli incentivi e delle detrazioni per gli interventi di risparmio energetico.

Per poter contare su nuove case popolari è comunque più semplice ed efficace, a mio parere, comprare alloggi sul libero mercato. Con il vantaggio di assicurare il mix sociale e di evitare il rischio di fare ghetti.

C’è poi la sfida di favorire l’incontro tra domanda e offerta di abitazioni, nel caso di cittadini che possono pagare, pur a fatica, un affitto. In Piemonte e a Torino abbiamo importanti esperienze, con Agenzie pubbliche o nonprofit che assicurano interventi a garanzia dei proprietari e a sostegno degli inquilini, nel caso di canoni concordati, cioè di affitti meno cari. Anche qui non si possono fare le nozze con i fichi secchi: ci vogliono fondi nazionali e regionali di garanzia e un’aliquota sui contratti agevolati d’affitto molto più conveniente rispetto a quella prevista per la “cedolare secca”. Diversamente non avremo più cittadini disponibili ad affittare e avremo il rischio di inquilini “morosi”.

Infine, occorre dotare il fondo per le cosiddette “morosità incolpevoli”, a favore di chi dimostra di non essere più in grado di pagar l’affitto in casa popolare a causa della perdita del lavoro.

Insomma: se si vuole riconoscere il diritto all’abitazione, occorre dargli priorità in termini di risorse ma, insieme, ripensare anche gli interventi.

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)