Nov 032011
 

L’Ordine del Giorno di Domenica Genisio è sacrosanto.

Il governo taglia i trasferimenti agli enti locali ma si dimentica di fare quello a cui è tenuto, cioè gestire o finanziare le scuole materne.

Mentre i Ministeri ingrassano, le Città piangono. Piero Fassino batta i pugni con la Gelmini, per avere le risorse che ci spettano.

 

La proposta di Ordine del Giorno, prima firmataria Domenica Genisio

 

PROPOSTA DI ORDINE DEL GIORNO

OGGETTO: LO STATO COPRA TUTTI I COSTI DELLE SCUOLE MATERNE COMUNALI O LE GESTISCA IN PROPRIO.

Il Consiglio Comunale di Torino,

 

PREMESSO CHE

–              da molti anni il Comune di Torino gestisce con alta qualità numerose scuole materne, progressivamente cresciute di numero anche a causa dell’insufficiente risposta da parte del Ministero della pubblica istruzione;

–              tale offerta si configura, a tutti gli effetti, come impropriamente sostitutiva di una funzione attribuita dal legislatore al livello statale, al pari delle scuole di ogni ordine e grado;

–              siamo quindi di fronte a una inappropriata assunzione di funzioni e oneri da parte dell’Amministrazione comunale, giustificata magari nel breve periodo e in epoche dove vi erano maggiori disponibilità economiche, ma ormai oggi insostenibile;

–              è ragionevole stimare che, considerando pari ad almeno sessanta milioni/anno il costo in questione, il Comune di Torino abbia, nel corso degli anni, sostenuto costi impropri per almeno un miliardo di euro;

–              il risparmio di tali costi permetterebbe di ampliare l’offerta educativa per la prima infanzia ovvero a ridurre la spesa corrente, sempre più insostenibile anche a causa dei tagli governativi;

 

PRESO ATTO CHE

 

–              alcuni standard gestionali adottati nelle scuole materne comunali appaiono più vantaggiosi per i bambini, ma anche più onerosi se confrontati con il modello adottato nelle scuole materne statali. Si tratta quindi progressivamente di allineare tali standard;

–              appare sempre più intollerabile che l’Amministrazione statale continui a ridurre le risorse trasferire agli enti locali ma, al contempo, non assuma pienamente gli oneri relativi ai servizi a cui è tenuta;

IMPEGNA

 

Il Sindaco ela Giuntaad avviare immediatamente una determinata trattativa con il Ministero, al fine di definire un programma di medio periodo che – nell’arco del quinquennio e nel rispetto dei diritti dei lavoratori – impegni inderogabilmente lo Stato al rispetto delle sue funzioni, cioè a coprire tutti i costi delle scuole materne comunali e/o ad assumerne in proprio la gestione.

 

 

F.to:  Domenica Genisio

Guido Alunno

Marco Muzzarelli

Alessandro Altamura

Giulio Cesare Rattazzi

Stefano Lo Russo

Domenico Mangone

Luca Cassiani

Lucia Centillo

Gianni Ventura

Michele Paolino

 

 

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)