Lo Stato copra tutti i costi delle scuole materne comunali

L’Ordine del Giorno di Domenica Genisio è sacrosanto.

Il governo taglia i trasferimenti agli enti locali ma si dimentica di fare quello a cui è tenuto, cioè gestire o finanziare le scuole materne.

Mentre i Ministeri ingrassano, le Città piangono. Piero Fassino batta i pugni con la Gelmini, per avere le risorse che ci spettano.

 

La proposta di Ordine del Giorno, prima firmataria Domenica Genisio

 

PROPOSTA DI ORDINE DEL GIORNO

OGGETTO: LO STATO COPRA TUTTI I COSTI DELLE SCUOLE MATERNE COMUNALI O LE GESTISCA IN PROPRIO.

Il Consiglio Comunale di Torino,

 

PREMESSO CHE

–              da molti anni il Comune di Torino gestisce con alta qualità numerose scuole materne, progressivamente cresciute di numero anche a causa dell’insufficiente risposta da parte del Ministero della pubblica istruzione;

–              tale offerta si configura, a tutti gli effetti, come impropriamente sostitutiva di una funzione attribuita dal legislatore al livello statale, al pari delle scuole di ogni ordine e grado;

–              siamo quindi di fronte a una inappropriata assunzione di funzioni e oneri da parte dell’Amministrazione comunale, giustificata magari nel breve periodo e in epoche dove vi erano maggiori disponibilità economiche, ma ormai oggi insostenibile;

–              è ragionevole stimare che, considerando pari ad almeno sessanta milioni/anno il costo in questione, il Comune di Torino abbia, nel corso degli anni, sostenuto costi impropri per almeno un miliardo di euro;

–              il risparmio di tali costi permetterebbe di ampliare l’offerta educativa per la prima infanzia ovvero a ridurre la spesa corrente, sempre più insostenibile anche a causa dei tagli governativi;

 

PRESO ATTO CHE

 

–              alcuni standard gestionali adottati nelle scuole materne comunali appaiono più vantaggiosi per i bambini, ma anche più onerosi se confrontati con il modello adottato nelle scuole materne statali. Si tratta quindi progressivamente di allineare tali standard;

–              appare sempre più intollerabile che l’Amministrazione statale continui a ridurre le risorse trasferire agli enti locali ma, al contempo, non assuma pienamente gli oneri relativi ai servizi a cui è tenuta;

IMPEGNA

 

Il Sindaco ela Giuntaad avviare immediatamente una determinata trattativa con il Ministero, al fine di definire un programma di medio periodo che – nell’arco del quinquennio e nel rispetto dei diritti dei lavoratori – impegni inderogabilmente lo Stato al rispetto delle sue funzioni, cioè a coprire tutti i costi delle scuole materne comunali e/o ad assumerne in proprio la gestione.

 

 

F.to:  Domenica Genisio

Guido Alunno

Marco Muzzarelli

Alessandro Altamura

Giulio Cesare Rattazzi

Stefano Lo Russo

Domenico Mangone

Luca Cassiani

Lucia Centillo

Gianni Ventura

Michele Paolino

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *