SANITA’ IN PIEMONTE, RISORSE E CORAGGIO

NIGUARDA PRESENTAZIONE ATTIVITA_ PRELIEVO E TRAPIANTOD_ ORGANO E

In questi giorni è in corso un duro match tra Stato e Regioni sull’entità del Fondo Sanitario Nazionale.  Per i nuovi livelli essenziali di assistenza, che dovrebbero consentire di curare malattie rare e finanziare la fecondazione assistita, servono ottocento milioni, già vincolati nel fondo sanitario. Altri cinquecento circa servono per l’acquisto dei farmaci innovativi. C’è poi da rinnovare il contratto dei dipendenti e da coprire il nuovo Piano vaccini. In tutto farebbe due miliardi, ma lo Stato ne ha concesso finora uno.
C’è del vero nelle richieste delle Regioni, ma anche Renzi ha ragione a dire che i soldi stanziati sono di più e che c’è ancora da razionalizzare. Ieri mi hanno intervistato in proposito su La Stampa. Saitta è un bravo assessore e Chiamparino non frena, anzi contrasta i localismi. Il PD è compatto a sostegno dei cambiamenti. Probabilmente la Regione uscirà presto da una condizione di Piano di rientro. Resta tuttavia ancora molto da fare, e l’elenco sarebbe lungo.
Ci sono questioni, difficili e delicate, su cui occorre concentrarci con la determinazione necessaria; ne cito alcune. Le ASL e ASO in Piemonte sono ancora troppe. Alcuni ospedali, pur eccellenti, sono costosissimi e il loro dimagrimento va a rilento. Il ticket sulla farmaceutica – a causa di una scelta scellerata della giunta Bresso imposta allora dai Comunisti Italiani – continua ancora oggi a non essere richiesto ai nuclei (che poi spesso sono i singoli) con meno di 36mila euro di reddito. Cioè quasi tutti i piemontesi, senza distinzione di età, non pagano i due euro per ogni confezione o i quattro per ricetta. Si tratta di un’eccezione unica in Italia. Risultato: sprechi ed utilizzo eccessivo di farmaci griffati, invece dei generici.
Conclusione: possiamo anche dare più soldi alle Regioni, ma bisognerebbe vincolarli ad alcuni obiettivi, non più di due o tre, davvero strategici. Mezzo miliardo in più al SSN, se si ritiene, può anche starci, ma solo con obiettivi di razionalizzazione certi per ogni regione e magari con altri impegni, come il potenziare l’assistenza domiciliare prevedendo almeno una parziale copertura con quota sanitaria degli assistenti familiari.

Stefano Lepri

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *